Il Festival Pergine Spettacolo Aperto torna dal 7 al 15 luglio dedicato alla questione di genere Lunedì, 03 Luglio 2017

Per le socie e i soci dell'associazione Donne in cooperazione è stato accordato uno sconto del 20%  (basta comunicare alla biglietteria l'adesione all'Associazione). Da Giuliana Musso alle Nina’s Drag Queens passando per Tindaro Granata, Boris Bakal, Atopos, Circolo Bergman, Dynamis, BeAnotherLab e molti altri: tutto il programma dell’edizione numero 42 del Festival, dedicata alla questione di genere come fattore di cambiamento globale, è on-line www.perginefestival.it 

Si parla di:

Imprese

Cosa significa ripensare i ruoli di genere oggi? Come si stanno trasformando i paradigmi culturali legati alle funzioni del maschile e del femminile? E cosa vuol dire sentirsi uomini e donne nella nostra società? Sono le questioni al centro dell’edizione 2017 di Pergine Spettacolo Aperto, dedicata alla questione di genere come fattore di cambiamento globale. Dal 7 al 15 luglio spettacoli, performance, talks, laboratori e installazioni animeranno il centro storico di Pergine, alla ricerca delle nuove chimere del mondo contemporaneo.

In cartellone il nuovo lavoro (unica data prevista) di Giuliana Musso Odiare Medea. Il sogno del patriarcato, la compagnia croata Bacaèi Sjenki diretta dal geniale Boris Bakal con la Nuova Produzione MALE-FEMALE/ Un gioco di ruolo per maschi e femmine e Body swap, un progetto di Open Source Art realizzato dal gruppo internazionale di ricercatori BeAnotherLab.

Tra le proposte di compagnie teatrali particolarmente innovative per la prima volta in provincia Variabili umane della Compagnia Atopos (vincitrice nel 2010 del Premio alle arti sceniche “Dante Cappelletti”), Geppetto e Geppetto (premio UBU2016 migliore novità italiana o ricerca drammaturgica, premio Hystrio-Twister 2017) di Tindaro Granata e DragPennyOpera di Nina’s Drag Queens.

E ancora Circolo Bergman con la Nuova Produzione Pergine, Via San Pietro 4, Ateliersi con Isola e Sogna, Dynamis con iD e i vincitori del Bando Open//Creazione Contemporanea 2017 Titta Cosetta Raccagni, Clara Luiselli, Mona Mohagheghi e Tobia Zambotti. Chiuderà il festival il Seminario Internazionale su lavoro e felicità, prima tappa del progetto europeo “A Manual on Work and Happiness”, coordinato dai portoghesi Artemrede Teatros Associados e di cui Pergine Spettacolo Aperto è partner.

  

Fonte: Pergine Spettacolo Aperto

Probabilmente troverai di tuo interesse anche