Elaborare business model e business plan

Bisogna valutare bene se esistono le condizioni economiche, i presupposti tecnici e le risorse finanziarie per poter intraprendere l’attività in cooperativa con successo.

Verificato che tra i soci vi sia affiatamento e condivisione degli obiettivi, bisogna valutare bene se esistono le condizioni economiche, i presupposti tecnici e le risorse finanziarie per poter intraprendere l’attività in cooperativa con successo. Per fare questo è necessario anzitutto predisporre il business model, cioè il modello di business, con il quale si stabilisce con precisione cosa bisogna fare, come bisogna farlo e per quali precisi clienti l'azienda vuole creare valore.

In seconda battuta è necessario predisporre il business plan, che indica che cosa, quanto tempo e quanti soldi servono per mettere in pratica il business model. È un documento complesso, arricchito da molte pagine di analisi e previsioni. Nel business plan è specificato come la neo cooperativa agirà per raggiungere i propri obiettivi: quante persone lavoreranno, con quali mansioni e attrezzature, per quali clienti; dove e come si reperiranno le risorse economiche per iniziare e come verranno spese queste risorse.
Un buon business plan deve essere chiaro, perché le ambiguità non aiutano a focalizzare bene gli obiettivi, e convincente, perché è anche uno strumento di presentazione da utilizzare con eventuali finanziatori e sostenitori, che devono avere tutte le informazioni per valutare il progetto imprenditoriale.
Indicativamente, il business plan deve proporre i seguenti contenuti:descrizione della cooperativa, sintesi del progetto, i prodotti o i servizi, il mercato, la concorrenza, la strategia di marketing, la governance e i ruoli operativi, il piano economico finanziario.

Una volta effettuati questi due passaggi, ci si può recare dal notaio per redigere l’atto costitutivo e lo statuto.